Al termine delle operazioni di scrutinio delle elezioni RSU, che si sono svolte lo scorso aprile nelle scuole della provincia, la Federazione Gilda-Unams (FGU) di Ferrararivolge un caloroso ringraziamento a tutto il Personale della Scuola, che con il proprio voto le ha consentito di rafforzare la sua presenza sul territorio.

Le RSU elette nelle Scuole sono state ben 19 e la percentuale di rappresentatività è del 15 per cento .

Il consenso ottenuto conferma il buon lavoro svolto dalla sede locale e la validità delle scelte, anche sofferte, fatte negli ultimi anni da parte del Sindacato.

La FGU non aveva firmato il 9/2 us all´Aran la pre-intesa del CCNL siglata dagli altri sindacati, poiché le risorse stanziate per gli aumenti sono parse palesemente inadeguate a garantire il recupero del potere di acquisto delle retribuzioni rimaste bloccate per 9 anni. Purtroppo, stante la validità del CCNL, firmato dalle altre OOSS, complessivamente rappresentative per almeno il 51%, la Federazione Gilda-Unams non ha potuto sottrarsi alla sottoscrizione del contratto che non condivide.

IL CCNL è stato così sottoscritto dalla FGU con una firma “tecnica” e con una nota a verbale che esplicita le motivazioni del dissenso, ma tale sottoscrizione eviterà al Sindacato l’estromissione da tutte le contrattazioni successive (a livello nazionale e locale) e dalla partecipazione alla stesura della specifica Sequenza (prevista entro luglio) sulle infrazioni disciplinari del Personale Docente e le relative sanzioni, tema molto importante e delicato per la categoria.

La FGU ricorda ai colleghi che entro il mese di maggio saranno corrisposti gli arretrati degli incrementi previsti dal nuovo Contratto per il periodo gennaio 2016/maggio 2018, mentre nel cedolino di giugno sarà adeguato lo stipendio tabellare previsto dal CCNL. Si tratta mediamente di una cinquantina di euro netti, una cifra simbolica che continuerà, tuttavia, a mantenere gli stipendi del personale della scuola italiana a livelli più bassi sia rispetto a tutte le categorie del pubblico impiego sia rispetto a quelli dei colleghi europei.

Auspichiamo che la formazione del nuovo Governo tenga in considerazione le richieste del mondo della scuola che chiede a gran voce l’abrogazione di alcuni punti della famigerata legge 107 quali la chiamata diretta da parte dei Dirigenti Scolastici, l’eliminazione del Bonus merito, il ridimensionamento dell’alternanza scuola/lavoro, l’abrogazione della norma che prevede il licenziamento dei precari al raggiungimento dei 36 mesi di servizio.
Federazione Gilda Ferrara

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi