Pensione

By | News

Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato la circolare relativa alle pensioni scuola del personale che dovrà cessare il servizio dal 1 settembre 2018, come stabilito dal decreto Miur. La scadenza per presentare le domande di dimissioni dal servizio (e l’eventuale richiesta di pensione più part-time) per il personale della scuola (docenti/educatori e ATA) è fissata al 20 dicembre 2017, tramite il portale Istanze Online.
Per quanto riguarda i dirigenti scolastici il termine per la presentazione delle istanze è il 28 febbraio 2018.

Le domande

Oltre alla domanda di cessazione è necessario presentare contestualmente anche la domanda di pensione che deve essere inviate direttamente all’INPS, esclusivamente attraverso le seguenti modalità:

  1. presentazione della domanda on-line accedendo al sito dell’Istituto, previa registrazione;
  2. presentazione della domanda tramite Contact Center Integrato (n. 803164);
  3. presentazione telematica della domanda attraverso l’assistenza gratuita del Patronato.

Tali modalità saranno le uniche ritenute valide ai fini dell’accesso alla prestazione pensionistica.
E’ bene ricordare che la domanda presentata in forma diversa da quella telematica non sarà procedibile fino a quando il richiedente non provvederà a trasmetterla con le modalità sopra indicate.

Requisiti

Per quanto riguarda i requisiti, bisogna ricordare quelli posseduti al 31 dicembre 2011 ante legge 214/11 (Fornero) e ancora utilizzabili ai fini dell’accesso al pensionamento.
Vecchiaia

  • 65 anni di età anagrafica – requisito per uomini e donne
  • 61 anni di età anagrafica – requisito di vecchiaia facoltativo esclusivamente per le donne

Anzianità

  • 40 anni di contribuzione – requisito della massima anzianità contributiva

Quota

  • 60 anni di età e 36 anni di contribuzione – quota 96
  • 61 anni di età e 35 anni di contribuzione – quota 96

Per raggiungere la “quota 96” si possono sommare ulteriori frazioni di età e contribuzione (esempio: 60 anni e 4 mesi di età anagrafica con 35 anni e 8 mesi di contribuzione).

Opzione donna (art. 1 comma 9 della legge 23 agosto 2004, n. 243)

Per le sole donne è possibile il pensionamento con l’opzione per il sistema contributivo.

Il pensionamento è consentito dal 1 settembre 2018 a condizione che il requisito di età (57 anni) e contribuzione (35 anni) sia stato maturato entro il 31 dicembre 2015 e che venga esercitata l’opzione per il calcolo della pensione col sistema contributivo.

Pertanto chi ha maturato i requisiti dei 57 anni e 35 anni di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2015 potrà presentare domanda di pensione col sistema contributivo.
A breve saranno fornite anche le specifiche istruzioni per chi ha ottenuto l’acceso all’Ape sociale.

Nuove regole per l’accesso alla pensione previste dalla legge 214/11

Per conseguire la pensione di anzianità e la pensione anticipata i nuovi requisiti dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2018 sono i seguenti:

Pensione di vecchiaia per uomini e donne con almeno 20 anni di contributi

  • 66 anni e 7 mesi entro il 31 dicembre 2018

Pensione anticipata

  • per le donne, 41 anni e 10 mesi di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2018;
  • per gli uomini, 42 anni e 10 mesi di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2018.

È confermata l’abolizione della penalizzazione per coloro che, pur avendo i requisiti del servizio, abbiano meno di 62 anni di età.

 

Lasciateci il tempo per insegnare e studiare! Le proposte della Gilda per il prossimo CCNL Aumenti stipendiali per il personale della scuola: un contratto fuori dal pubblico impiego La situazione del precariato: analisi dei decreti del governo sul concorso ordinario e sul concorso riservato. Qualche proposta Apertura campagna CSPI: cominciamo dal preside elettivo e dal superamento delle RSU di istituto Varie ed eventuali.

By | News

La Federazione Gilda-Unams indice ASSEMBLEE SINDACALI del personale Docente e ATA a Ferrara e in provincia per parlare di
1) Diritti, doveri e responsabilità del personale
2) Rinnovo del contratto con aree separate Docenti/ATA, proposte economiche e normative
3) Reclutamento personale (concorsi ordinari e straordinari docenti, riservati ATA)
4) Pensioni (quota 100 o Legge Fornero)
5) PCTO (ex alternanza)

All’Assemblea del 23 ottobre a Ferrara (prime due ore di lezione/servizio) nell’Aula Magna del Liceo Scientifico “Roiti” di via Azzo Novello, parteciperà la Vice Coordinatrice Nazionale prof.ssa Maria Domenica Di Patre

giovedì 24/10/2019 prime due ore di lezione o servizio I.C. “il Guercino” Cento
venerdì 25/10/2019 prime due ore di lezione o servizio IIS Argenta
martedì 29/10/2019 prime due ore di lezione o servizio S.M. Copparo
martedì 29/10/2019 ultime ore di lezione o servizio IIS Codigoro
giovedì 31/10/2019 prime due ore di lezione o servizio S.M. Poggio Renatico

Convocazioni da Graduatorie di Istituto personale docente Infanzia e Primaria

By | News

SI INFORMA CHE IN DATA 12 SETTEMBRE 2019 SI SVOLGERANNO, IN FORMA COORDINATA TRA TUTTE LE SCUOLE DELLA PROVINCIA DI FERRARA, LE CONVOCAZIONI DA GRADUATORIE D’ISTITUTO DEL PERSONALE DOCENTE SCUOLA INFANZIA E PRIMARIA.
LE CONVOCAZIONI SI TERRANNO PRESSO PALAZZO DEGLI SPECCHI Via Circonvallazione, 21/A ARGENTA

 

 

Convocazione nomine a T.D. Scuola Infanzia del 09.09.2019 – Posti disponibili.

Pubblicati i posti disponibili per la convocazione del 09.09.2019, relativa al conferimento di incarichi a tempo determinato del personale docente di Scuola dell’Infanzia per l’anno scolastico 2019/2020.

 

Calendario delle convocazioni da GRADUATORIE DI ISTITUTO – Fase provinciale

By | News

Si informa che in data 11 e 12 SETTEMBRE  si svolgeranno, in forma coordinata tra tutte le scuole della provincia di Ferrara, le convocazioni da graduatorie di istituto del personale docente della scuola secondaria di I e II grado.
Le operazioni saranno effettuate presso l’Auditorium dell’Istituto “Carducci” di Ferrara, Via Canapa 75/77, ingresso da via Liuzzo.
Segue calendario:
CALENDARIO CONVOCAZIONI_GRADUATORIE ISTITUTO
P.S. I posti disponibili saranno pubblicati su questo sito almeno 48 ore prima della convocazione.

ATTENZIONE-Calendario convocazioni da graduatorie istituto – parziale rettifica

Viene ripubblicato per parziale rettifica il calendario di convocazioni da graduatorie di istituto del personale docente degli istituti di istruzione secondaria di I e II grado da svolgersi nei giorni 11 e 12 settembre 2019.

 

Calendario immissioni in ruolo AA24-AA25-AC24-AC25-AD24-AD25-AI24-BA02-BC02 Lingue Straniere

By | News

Si pubblicano il calendario delle operazioni di immissione in ruolo del personale docente di scuola secondaria di I grado e II grado per l’a.s. 2019/2020 classi di concorso AA24-AA25-AC24-AC25-AD24-AD25-AI24-BA02-BC02, di cui al Concorso D.D.G. 106/107/2016 e D.D.G. 85/2018, ed i relativi allegati.

N.B. : Si informa che in sede di convocazione verrà assegnata una delle 9 province della regione a scelta del candidato in stretto ordine di graduatoria.

Lingue straniere – Modelli

Modello B di scelta delle scuole di I fascia di Istituto

By | News

L´istanza va presentata entro le ore 14 del 29 luglio
Modello B di scelta delle scuole di I fascia di Istitutolunedì 15 luglio 2019
E´ aperta da oggi, 15 luglio, la funzione su Istanze on Line per presentare il Modello B di aggiornamento della prima fascia delle graduatorie di Istituto 2019/22, in concomitanza con l´aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento.

Il modello B di scelta delle scuole, tramite il quale ci si inserisce nella I fascia delle graduatorie di Istituto, va inoltrato telematicamente, tramite il portale Istanze Online, dal 15 al 29 luglio 2019 entro le ore 14.00.

La pubblicazione delle graduatorie di istituto di I fascia provvisorie, secondo quanto indicato dal Miur ai sindacati, è prevista entro il 20 agosto 2019, mentre quella delle definitive entro il 31 agosto 2019.

Utilizzazioni, integrazione per i diplomati magistrali

By | News

L´ipotesi di accordo prevede l´utilizzo per continuità didattica sul medesimo posto occupato nell´a.s 2018/19
Utilizzazioni, integrazione per i diplomati magistralimercoledì 17 luglio 2019
Lunedì 12 luglio 2019 è stata sottoscritta un´ integrazione del CCNI Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie per i diplomati magistrali assunti con riserva da GaE e che potrebbero essere individuati per una nuova immissioni in ruolo per l´a.s. 2019/20 da graduatorie di merito regionali.

L´accordo prevede l´utilizzo per continuità didattica sul medesimo posto occupato nell´a.s 2018/19.

La domanda va presentata in modalità cartacea entro 2 giorni lavorativi dall´assegnazione della sede da parte dell´Ufficio Scolastico Territoriale competente:
– all´UST di titolarità in caso di domanda provinciale;
– all´UST di destinazione e per conoscenza all´Ufficio di titolarità in caso di domanda interprovinciale.

L´operazione è preliminare alle altre fasi definite dal CCNI Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie ed ha una validità transitoria solo per l´a.s. 2019/20.

Utilizzi e assegnazioni

By | News

Pubblichiamo lo Speciale Utilizzazioni e Assegnazioni provvisorie 2019-2020 a cura di Antonietta Toraldo.

Presentazione domande:
– Docenti infanzia, primaria, secondaria di 1° e 2° grado dal 9 al 20 luglio 2019 (on line)
– Licei Musicali dal 9 al 20 luglio 2019 (cartacea).

Per il personale educativo si prevede la compilazione e la presentazione su modello cartaceo. Le date devono ancora essere comunicate da Miur.

Lo Speciale è in progress e sarà aggiornato con le eventuali novità inerenti l´argomento.

Firmata l´ipotesi di CCNI sulle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie

By | News

Le date di presentazione delle domande saranno rese note in una circolare ministeriale di prossima emanazione, presumibilmente verso fine giugno
Firmata l´ipotesi di CCNI sulle utilizzazioni ed assegnazioni provvisoriemercoledì 12 giugno 2019
Nel primo pomeriggio di oggi 12 giugno 2019 è stata siglata l´ipotesi di CCNI, riguardante le utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie per il triennio 2019-22.

Nella tarda mattinata dopo una lunga discussione l´Amministrazione scolastica ha sciolto la riserva sulla possibilità di consentire l´assegnazione provvisoria anche ai docenti nominati da graduatoria FIT di cui al DDG 85/2018. Gli stessi potranno produrre domanda cartacea e le operazioni loro riguardanti avverranno al termine delle altre.

Di seguito le principali novità del CCNI.

Contratto triennale
Il contratto ha validità triennale ma le domande si presentano annualmente. Le parti hanno concordato di riaprire il confronto negoziale, qualora vengano emanati dei provvedimenti normativi successivi alla sottoscrizione del testo, che producano effetti sulle materie disciplinate dal CCNI.

Docenti destinatari delle assegnazioni provvisorie
Tutti i docenti che sono in possesso dei requisiti di ricongiungimento e di cura possono produrre domanda di assegnazione provvisoria provinciale ed interprovinciale a prescindere dagli esiti della mobilità. È consentita la domanda di assegnazione provvisoria metropolitana, nei comuni con più distretti subcomunali ,solo a coloro che si avvalgono delle precedenze di cui all´art. 8 del medesimo CCNI.

Licei Musicali
Permane per il 2019-2020 la fase transitoria per le conferme in utilizzo dei docenti dei licei musicali, ma si dà anche l´avvio alle assegnazioni provvisorie che nel corso del triennio andranno a regime.

Sostegno
I docenti privi del titolo di specializzazione, ma che stiano per concludere il percorso di specializzazione su sostegno o in subordine abbiano prestato almeno un anno di servizio su posto di sostegno , possono produrre domanda di assegnazione interprovinciale.

FIT
I docenti nominati entro il 31 agosto 2018 dalle graduatorie di cui al DDG 85/2018 che stanno svolgendo l´anno di prova possono produrre domanda cartacea di assegnazione provvisoria. Tale operazione viene trattata in subordine a tutte le altre nella sequenza operativa.

Tempistica
Le date di presentazione delle domande saranno rese note in una circolare ministeriale di prossima emanazione. Si presume che possano avere inizio dopo la pubblicazione dei trasferimenti , verso la fine di giugno.

Gilda consegna a Palazzo Chigi oltre 30mile firme per aumento stipendi e scatto anzianità 2013

By | News

giovedì 6 giugno 2019
Oltre 30.000 firme raccolte online, attraverso la piattaforma https://www.change.org/p/giuseppe-conte-stipendi-più-alti-per-gli-insegnanti, e in tutte le scuole d’Italia grazie all’impegno in prima linea di Rsu e Tas. Ha riscosso grande successo la petizione promossa dalla Gilda degli Insegnanti, e indirizzata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per chiedere lo “scongelamento” dello scatto di anzianità del 2013 e l’aumento degli stipendi dei docenti. L’iniziativa si è conclusa oggi con la consegna delle sottoscrizioni alla presidenza del Consiglio.

“Il numero elevato di adesioni – dichiara il coordinatore nazionale Rino Di Meglio, che questa mattina si è recato a Palazzo Chigi con una delegazione della Gilda per depositare le firme – è una spia inequivocabile del disagio e del malcontento che serpeggia tra gli insegnanti e della loro voglia di riscatto”.
Come evidenziato dai dati elaborati dal Centro Studi Nazionale della Gilda degli Insegnanti, in 10 anni le retribuzioni dei docenti italiani sono calate mediamente del 7% rispetto all’andamento dell’inflazione. Tradotto in altri termini, ciò significa che dal 2007 a oggi gli stipendi sono diminuiti di circa 170 euro lordi.

“La significativa riduzione del potere di acquisto – afferma Di Meglio – ha provocato una sostanziale diminuzione anche del prestigio sociale dei docenti. Le buste paga sempre più leggere hanno portato gli insegnanti a diventare fanalino di coda non soltanto nell’impietoso confronto con i colleghi degli altri Paesi europei, ma anche con tutti gli altri dipendenti pubblici italiani. Per cambiare questa situazione indecorosa, occorre recuperare la progressione di carriera scippata nel 2013. Bisogna, inoltre, investire maggiori risorse nel rinnovo del contratto, a partire dalle somme stanziate dalla legge 107/2015 per il bonus merito che non serve per premiare davvero i bravi insegnanti”.

“Ci auguriamo che il presidente del Consiglio, il quale ha già dimostrato sensibilità e apertura verso questo tema impegnandosi in prima persona con l’accordo siglato lo scorso 24 aprile con i sindacati rappresentativi della scuola, presti ascolto alle richieste di chi ogni giorno lavora per formare l’Italia del futuro e alle quali dà voce la nostra petizione”.

Raggiunto l’accordo con il Ministro Bussetti su PAS e fase transitoria

By | News

martedì 11 giugno 2019
La trattativa con il Governo sul reclutamento dei precari e l´accesso a un percorso abilitante speciale si è conclusa positivamente e al termine dell´incontro di stasera è stata firmata un´intesa unitariamente dalle organizzazioni sindacali con il Ministro Bussetti.

L´accordo prevede una procedura riservata e semplificata che da accesso al 50% dei posti disponibili per il concorso ordinario e un percorso abilitante speciale senza selezione in ingresso.

Il PAS sarà:
– aperto a tutti i docenti con tre annualità di servizio nelle scuole statali, paritarie e percorsi di istruzione e formazione professionale limitatamente all´obbligo scolastico
– attivato entro e non oltre il 2019
– articolato su più cicli annuali
– aperto alla partecipazione anche del personale di ruolo e ai dottori di ricerca

La procedura del concorso straordinario finalizzata alla stabilizzazione prevede :
– l´accesso ai docenti con tre annualità di servizio nella scuola statale maturate negli ultimi 8 anni
– il requisito di avere svolto almeno 1 anno di servizio nella classe di concorso specifica per la quale si concorre
– la valorizzazione del servizio prestato
– una prova scritta computer based
– una prova orale non selettiva
– la procedura conferirà a tutti i vincitori l´abilitazione.

Si tratta di una soluzione di rilievo rispetto al tema della reiterazione dei contratti a termine nella scuola statale, che risponde alle richieste e alle aspettative del personale di cui le organizzazioni sindacali si sono fatte interprete.

Le organizzazioni sindacali esprimono quindi soddisfazione per gli esiti della trattativa, che si è conclusa con una mediazione positiva che è riuscita a tenere insieme gli interessi dei lavoratori coinvolti con le esigenze di funzionamento della scuola.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi